Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, migliorare la navigazione, e altre funzioni (come la fornitura di annunci pubblicitari).
Utilizzando il nostro sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni sui cookies consulta la nostra cookies e privacy policy.

sole 24 ore

 

Avviso alla clientela

Avviso alla Clientela

Si avvisa la spett.le Clientela che a partire da lunedì 18 maggio 2020 le filiali di Napoli e di Palma Campania saranno aperte dal Lunedì al Venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30.

La Filiale di Napoli può essere contattata al seguente numero telefonico: 081 5521603 oppure tramite mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La Filiale di Palma Campania può essere contattata al seguente numero telefonico: 081 8241120 oppure tramite mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

sfondo

I grandi skipper, a partire dal mago australiano delle vele James Spithill, si sfideranno nei match race con una barca contro l'altra ad eliminazione diretta, ma anche nelle spettacolari regate di flotta con il testa a testa tra le vele che sarà visibile da tutta la città, grazie alla conformazione ad anfiteatro naturale delle colline che sovrastano il Golfo di Napoli. E l'inventiva napoletana si è già messa in moto, con posti strategici individuati su balconi e terrazze per assistere alle sfide di Coppa America.

Il tifo dei napoletani, dopo la rinuncia di Mascalzone Latino, sarà per Luna Rossa, il team che nel 2000 sconfisse tutti gli avversari, arrendendosi poi solo nella finale contro Team New Zealand. A condurla nelle acque di Napoli sarà Max Sirena, skipper riminese che ha partecipato all'impresa vincente di Oracle nel 2010.

Ma in gara ci saranno, tra gli altri, anche i francesi di Aleph, il team New Zealand e i velisti di China Team, una vera sfida cinese quest'ultima, visto che la barca è stata costruita in casa e che l'equipaggio è quasi tutto cinese. Ma a Napoli non sono mancate le polemiche e le difficoltà nell'avvicinamento all'evento: l'accordo per ospitare le regate à stato trattato direttamente dai vertici della Regione Campania e del Comune di Napoli con la collaborazione dell'Unione industriali. Inizialmente le regate avrebbero dovuto svolgersi a Bagnoli, ma a causa di problemi legati alle bonifiche dell'ex area industriale, sono state spostate sul lungomare di via Caracciolo, in centro: lì è in costruzione una scogliera che proteggerà le costose barche da eventuali mareggiate.

L'allestimento della scogliera ha sollevato polemiche per i vincoli paesaggistici che ci sono sul lungomare napoletano, ma alla fine l'ok è arrivato per il progetto che prevede che la scogliera venga smontata subito dopo la fine delle regate. Dal 15 aprile via gli scogli, quindi, in attesa delle regate del 2013 che vedranno ancora una volta Napoli protagonista ma in una location diversa: si potrebbe tornare all'idea di Bagnoli o spostarsi al Molo San Vincenzo.

L'obiettivo delle istituzioni locali, al di là dello spettacolo sportivo, è di rilanciare l'immagine di Napoli nel mondo, dopo gli anni difficili della crisi dei rifiuti. ''La Coppa America è come la Formula Uno, attira l'attenzione del mondo e con questi grandi eventi possiamo rilanciare il nostro territorio'', ha detto il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro.
Mentre il sindaco di Napoli Luigi De Magistris ha sottolineato come ''le regate rilanceranno definitivamente l'immagine di Napoli e serviranno anche ad aumentare il turismo, una delle chiavi di volta della citta'''.(ANSAmed).







Designer Mariano Barone - Realizzazione ICTCoop & Servizi